CONTATORE

Sommario

l'MTC

l'MTC
dal 10 al 25 del mese

The Recipe-tionist

The Recipe-tionist
Dal 15 al 31

I NOSTRI VIDEO ....

PER VEDERE I NOSTRI VIDEO (TROPPO DIVERTENTI!) ANDATE IN ALTO ALLA DESTRA DELLA SCRITTA HOME PAGE

Lettori fissi

Magali

Magali
domenica 23 febbraio 2014
Forse qualcuno si è chiesto che fine abbiamo fatto, qualcuno di voi lo sa già! In effetti siamo a Parigi, ma io dopo soli tre giorni mi sono ammalata! Sono stata parecchio male (tosse: sono al quarto flacone di sciroppo, mal di testa, dolori articolari, brividi, mal di gola, nausea, vertigini ...)  forse sono riuscita a rendere l'idea. Lentamente, molto lentamente miglioro e oggi son potuta uscire per due orette, una conquista. Mi sembra impossibile quando giravo per dodici ore consecutivamente, ora salire una rampa del metrò mi sembra un’impresa …
Menomale che ho al mio fianco la fedele Magali che è veramente iper affettuosa, mi segue dappertutto, non posso alzarmi dal letto che lei già mi precede di qualche passo.
Come sempre da tutto ciò cerco di vedere il lato positivo e, non ci crederete, ma ne ho trovati parecchi: non ho avuto la febbre, sono qui e devo pensare solo a Magali e a me, non mi ammalavo da 15 anni, quindi non posso assolutamente lamentarmi, sono riuscita ad andare a vedere la mostra di Cartier, motivo principale del viaggio (a proposito sto preparando un super post, se qualcuno fosse interessato a lustrarsi gli occhi) e poi siamo qui la pelosotta ed io, mano nella zampa a raccontarvi il proseguimento della nostra avventura, quindi bando alle chiacchiere alcuni scatti del giretto di oggi, in questa giornata fredda, ma tersa, in cui ci siamo concesse il lusso semplicemente, come dicono i francesi, di flâner, gironzolare senza una meta, annusando l’aria, cogliendo i colori, godendosi la sensazione del vento sul viso, osservando le persone, una passeggiata catartica semplicemente per apprezzare il fatto di essere viva!

E ora la ricetta che vi assicuro che il gusto è inversamente proporzionale alla qualità della foto, vi consiglio di provarla. Le orecchiette le ho comprate, il mio sogno è di imparare a farle, forse si concretizzerà quando incontrerò EliFla!
Orecchiette tri-tricolori
Ingredienti per 4 persone:
320 g di orecchiette tricolori
500 g di broccoli (principalmente cimette)
8 pomodori secchi
20 g di pinoli
olio extra vergine di oliva
sale
peperoncino
parmigiano o pecorino grattugiato fresco

Preparazione:
fate cuocere in acqua bollente salata i broccoli, preventivamente puliti e divisi in cimette.
Scolate, ma non gettate l’acqua di cottura.
Fate rinvenire i pomodori secchi in acqua salata, asciugateli e tagliateli a listarelle.
In una padella antiaderente fate soffriggere lo spicchio d’aglio intero, precedentemente pelato, aggiungete i pomodori, i broccoli e infine i pinoli. Fate cuocere a fuoco vivo per alcuni minuti.
Nel frattempo, cuocete nell’acqua utilizzata per la cottura dei broccoli, le orecchiette al dente scolatele e fatele saltare in padella con le verdure. Spolverizzate di peperoncino e parmigiano o pecorino grattugiato fresco.
E come dice Magali “leccatevi i baffi!”

5 commenti:

Alessandra Gennaro ha detto...

ma dai... ma non me lo dire...
meno male che tu hai spirito positivo da vendere, Helga... il mio umore avrebbe oscillato fra il nervoso per non riuscire a godermi la vacanza e l'ansia di star male a mille km da casa...ora non strapazzarti, anche se le lusinghe di Parigi sono irresistibili.
Aspetto il reportage su Cartier, con grande interesse.
Rimettiti in forma!

elenuccia ha detto...

Adoro le tue foto di Parigi, riesci sempre a cogliere degli scorci deliziosi.
Purtroppo in casa i broccoli non vanno proprio, pensare che a me piacciono tanto, come anche i pomodori secchi. Vorrà dire che proverà queste orecchiette quando sono da sola...alla faccia di quelli del "che puzza questi cavoli!!"

maria pia mascaretti ha detto...

"Flaner"... mi piace questo modo di dire francese.... mi piace il gironzolare senza una meta, coglier gli scorci, i colori, i profumi, osservare la gente ascoltare le voci.....
Guarisci presto Pia

Ilaria Agostini ha detto...

le orecchiete mi piacciono troppo Helga e qui non le trovo ora mi fai venire le voglie!!
Mi dispiace che ti sia ammalata ma non eri sola avevi un'assistente di eccezione vero!?riprenditi velocemente e via fuori ben coperta a goderti la splendida Paris
baciotti

sississima ha detto...

adoro le orecchiette, che foto splendide e...golose!!! Spero che ora tu stia meglio, un abbraccio SILVIA

Posta un commento

Dite la vostra!

ELENCO RICETTE

ELENCO RICETTE
clicca sul micio!

Cerca nel blog

Archivio blog

Ci siamo anche noi!

Tutti Uniti!

Tutti Uniti!

Siamo

Siamo